ISTITUTO DI ISTRUZIONE STATALE SUPERIORE “M.K. GANDHI” Via Ugo Foscolo, 1 20842 Besana in Brianza (MB) • Tel. 0362 942090-942101 • FAX: 0362 942297
Email: mbis00600b@istruzione.it • PEC: mbis00600b@pec.istruzione.it
P.C.T.O.

 

ASL cambia nome e diventa PCTO

Così come disposto dall’art.57, comma 18, i percorsi di Alternanza Scuola Lavoro cambiano denominazione e anche acronimo. Tali percorsi si chiameranno “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento” e, a decorrere dall’anno scolastico 2018/2019, sono stati ridotti, rispetto a quanto previsto dal comma 33 dell’art.1 della legge 107/2015, di oltre il 50% del monte ore triennale.

Il nuovo acronimo dell’ormai fu “ASL” sarà il “PCTO” che sta per “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento”.

Ecco come saranno articolate le ore dei PCTO

I percorsi per competenze trasversali e orientamento consentiranno, a tutti gli studenti del secondo biennio e ultimo anno delle scuole secondarie di II grado, di affrontare dei percorsi esperienziali legati al mondo del lavoro e di orientamento accademico-universitario. Tali percorsi saranno attuati per una durata complessiva:

  1. Non inferiore a 180 ore nel triennio terminale del percorso di studi degli istituti Professionali;
  2. Non inferiore a 150 orenel secondo biennio e ultimo anno di studi degli istituti Tecnici;
  3. Non inferiore a 90 orenel secondo biennio e nel quinto anno dei Licei.

 

Linee guida PCTO con decreto MIUR

Gli obiettivi fondamentali perseguiti con i PCTO si possono riassumere essenzialmente nei seguenti 5 punti:

  • Attuare modalità di apprendimento flessibili sotto il profilo culturale ed educativo che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica;

     • Arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l’acquisizione di competenze trasversali spendibili anche nel mercato del lavoro;

    • Favorire l’orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali;

    • Realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con le Università, il mondo del lavoro e delle professioni, la società civile;

    • Correlare l’offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

 

 

Pubblicata il 17 ottobre 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.